SICILIA OCCIDENTALE

Esclusiva dal 10 al 16 ottobre 2024

Programma del tour:

  • 1° giorno, giovedì 10 ottobre: Palermo – Monreale – Palermo (45km)
    Pranzo in ristorante locale, cena in hotel.
    All’arrivo incontro con l’autista del pullman riservato e partenza per Monreale. Incontro con la guida locale per la visita della famosa Cattedrale, costruita a partire dal 1172 per volere di Guglielmo II d’Altavilla, re di Sicilia e decorata al suo interno con ricchi mosaici bizantini. Si prosegue con la visita del Chiostro di Santa Maria Nuova perno del complesso abbaziale ed esempio straordinario di architettura medievale con i suoi cortili porticati che evocano le dimore signorili islamiche. Trasferimento a Palermo e sistemazione in hotel.
    Cena e pernottamento in hotel.
  • 2° giorno, venerdì 11 ottobre: Palermo
    Prima colazione e cena in hotel. Light lunch al ristorante.
    Intera giornata dedicata alla visita della città di Palermo con guida locale: la Cattedrale con il suo inconfondibile mix di stili diversi e gli inestimabili tesori custoditi al suo interno, la Piazza Pretoria con la bellissima Fontana della Vergogna in marmo di Carrara, la Chiesa della Martorana, una delle chiese di rito bizantino più affascinanti e preziose del nostro Medioevo. Si prosegue con il Palazzo dei Normanni e la stupenda Cappella Palatina, una basilica a tre navate, dedicata ai Santi Pietro e Paolo e consacrata come cappella della famiglia reale, la Piazza Bellini e i Quattro Canti.
    Nel pomeriggio visita alle Carceri dell’Inquisizione, oscura prigione dove per due secoli gli uomini inviati in Sicilia da Torquemada rinchiusero e interrogarono innocenti in nome di Dio. Per loro i prigionieri erano eretici, bestemmiatori, fattucchiere, amici del demonio.
    Protagonisti indiscussi dello spazio museale sono i graffiti e i disegni lasciati dai prigionieri dell’Inquisizione dello Steri di Palermo.
    Rientro in hotel per la cena e il pernottamento
  • 3° giorno, sabato 12 ottobre: Palermo – Segesta – Selinunte – Mazara del Vallo (174km)
    Prima colazione e cena in hotel. Light lunch al ristorante.
    Partenza per Segesta dove si visita l’omonimo Parco Archeologico con lo spettacolare Tempio Dorico del V secolo a.C. ed il bellissimo Teatro Greco. Il teatro, costruito nel II sec. a.C. in cima al Monte Barbaro quando la città era già libera sotto i Romani, è considerato uno dei più belli del periodo classico sia per l’ottimo stato di conservazione che per la sua spettacolare posizione.
    Proseguimento per Selinunte, vasto parco archeologico tra Marsala e Agrigento in posizione dominante sul mare. Abitata dai Sicani e poi dai Fenici, l’antica città fu colonia greca a partire dalla metà del VI sec. a. C. Il parco archeologico di Selinunte è considerato il più ampio ed imponente d’Europa: si estende per 1740 km quadrati e comprende numerosi templi, santuari e altari. I luoghi sacri di Selinunte sono costruiti secondo i canoni dell’ordine dorico, le cui caratteristiche principali sono la semplicità e l’essenzialità. Arrivo a Mazara del Vallo e sistemazione nelle camere riservate.
    Cena e pernottamento in hotel.
  • 4° giorno, domenica 13 ottobre: Mazara del Vallo – Marsala – Mazara del Vallo (45km)
    Prima colazione e cena in hotel. Light lunch al ristorante.
    Visita del Vallo: il caratteristico porto canale che ospita la più grande flotta peschereccia d’Italia. Nel centro storico sono visibili interessanti edifici arabo/normanni e numerose chiese rinascimentali e barocche. La struttura originaria della vecchia città è costituita dalla “khasba” con stradine strette e sinuose dove si affacciano caratteristici cortili. All’interno della Chiesa di Sant’Egidio si trova il “Museo del Satiro” con la statua bronzea del “Satiro Danzante” raffigurante un demone mitologico parte del corteo orgiastico del dio Dionisio, ritrovata da un peschereccio nella primavera del 1998 nel mare del Canale di Sicilia.
    Proseguimento per Marsala, antica città che fin dal tempo dei romani ha svolto un ruolo di primo piano nella cultura e nella storia della nostra isola, la città dello “sbarco dei mille”. Visita del centro storico racchiuso tra Porte e Bastioni che immettono in stradine in cui si affacciano Palazzi spagnoli, chiese e monumenti. Di particolare rilievo sono il complesso monumentale di San Pietro, il Teatro Comunale del XVIII sec., l’ex Convento dell’Itria e la Chiesa Madre. E’ possibile visitare il Museo Baglio Anselmi dove è custodito il relitto di una nave punica, importante testimonianza della Prima Guerra punica combattuta dai Romani contro i Cartaginesi per la conquista della Sicilia, (241 a.C.).
    Visita delle Cantine Florio per conoscere i segreti ed apprezzare il famoso vino che da questa città prende il nome: il “Marsala”. Un viaggio che inizia davanti ai maestosi tini costruiti alla fine dell’800 e ancora utilizzati per l’affinamento del marsala, si prosegue all’interno delle tre affascinanti bottaie dove è stato ripristinato l’antico pavimento in battuto di tufo. Da qui poi si accede alle avanguardistiche Sale di Degustazione Donna Franca e Duca Enrico per la degustazione dei vini Corvo, Duca di Salaparuta e Florio. Rientro in hotel.
  • 5° giorno, lunedì 14 ottobre: Mazara del Vallo – Mothia – Nubia – Erice – Mazara del Vallo (137km)
    Prima colazione e cena in hotel. Light lunch al ristorante.
    In mattinata si effettuerà in barca il giro della Riserva dello Stagnone che permette di scoprire la bellezza dello Stagnone di Marsala. Oltre al percorso storico – archeologico, si avrà la possibilità di ammirare le saline e il paesaggio incontaminato della riserva naturale della laguna.
    A seguire visita della rigogliosa isola di Mothia e del suo museo, tra i più interessanti per la conoscenza della civiltà Fenicio-Punica nel Mediterraneo. Tutt’intorno, le saline, i mulini a vento e i vigneti, compongono una cornice naturale di grande fascino.
    Continuazione per Nubia. Un paesaggio suggestivo quello che si ammira con le saline ed i mulini a vento poiché l’intensità dei raggi solari crea un gioco di riflessi e di colori nei momenti del ciclo di evaporazione delle vasche.
    Nel pomeriggio si raggiunge Erice, per la visita del piccolo e autentico borgo siciliano dal fascino medievale. Di notevole interesse il Duomo con l’adiacente Torre di Re Federico, edificato durante il IV secolo d.C. e ampliato in stile gotico da Federico III, Re di Sicilia, come regalo al popolo che lo aveva accolto a Erice dopo la sua fuga da Palermo. La visita continua con i ruderi del Monastero del Santissimo Salvatore, palazzo della nobile famiglia Chiaramonte dove in seguito, si insediarono le benedettine. Oggi si possono vedere solo tracce delle finestre trecentesche, del portale quattrocentesco, dei forni, del giardino e della cripta, in pratica un piccolo mondo in cui vivevano le suore. Si prosegue quindi con la visita della Chiesa di San Martino dall’insolita facciata rosa in stile gotico, e del Castello Normanno eretto su di un tempio dedicato alla dea dell’amore e della fecondità, nonché protettrice dei naviganti. Rientro in hotel.
  • 6° giorno, martedì 15 ottobre: Mazara del Vallo – Scopello – San Vito lo Capo – Mazara del Vallo (247km)
    Prima colazione e cena in hotel. Light lunch al ristorante.
    Proseguimento per Scopello e sosta per la visita guidata al minuscolo borgo del ‘600 celebre per i faraglioni, per la splendida tonnara e per la limpidezza delle sue acque. Qui si visita l’antico baglio attorno al quale si è sviluppato il borgo: una costruzione fortificata con un ampio cortile interno dove oggi si trovano bar, piccoli ristoranti, botteghe e un grande albero di eucalipto.
    Continuazione per San Vito Lo Capo, tipico villaggio di pescatori, con sosta per una breve visita alla suggestiva Fortezza Santuario. Rientro in hotel.
  • 7° giorno, mercoledì 16 ottobre: Mazara del Vallo – Trapani – Castellamare del Golfo – Palermo (152km)
    Proseguimento per Trapani con passeggiata nelle eleganti vie del centro storico. Qui è tutto un susseguirsi di palazzi storici e chiese di notevole pregio artistico: la Cattedrale, la Chiesa del Purgatorio in cui sono conservati i sacri Gruppi dei Misteri di Trapani.
    Partenza per Castellammare del Golfo, tipico borgo marinaro incastonato in un contesto paesaggistico di grande fascino tra mare ed alture montuose. Visita guidata al Museo Etno-antropologico “Buccellato”, ospitato nell’antico castello a mare. Dedicato a diversi aspetti della civiltà siciliana, il museo conserva oggetti di uso quotidiano legati alle coltivazioni agricole più diffuse come quelle dei cereali, della vite e dell’olivo, attrezzi di mestieri artigianali come quello del fabbro, del calzolaio, del falegname, utensili e suppellettili domestici. Nel museo gestito dal Comune, si ammira un’ interessante sezione dedicata alla civiltà della pesca ed al sistema di tonnare che, da secoli e fino a non molto tempo fa, fu l’industria marinara più importante dell’area.
    Trasferimento all’aeroporto di Palermo in tempo utile per il volo di rientro.

Sistemazione alberghiera cat. 4* o similari:
Mondello, Splendid Hotel la Torre
Mazara del Vallo, Mahara Hotel