BEST OF KENYA

Programma del tour:

  • 1° giorno: Nairobi
    Arrivo a Nairobi, dopo il disbrigo delle formalità d’ingresso e il ritiro bagagli trasferimento all’hotel. Sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.
  • 2° giorno: Nairobi – Samburu National Reserve
    Prima colazione in hotel. Pranzo e cena al lodge.
    Partenza per la regione di Samburu, sullo sfondo dell’imponente montagna Ol Olokwe e delle acque del grande fiume Ewaso Nyiro, che attraversa tre grandi riserve: Samburu, Buffalo Springs e Shaba che attira innumerevoli esemplari di fauna selvatica lungo le sue rive. La riserva è popolata da branchi di elefanti attratti dalla presenza dell’acqua. Nel pomeriggio safari, rientro al lodge cena e pernottamento.
  • 3° giorno: Samburu National Reserve
    Pensione completa al lodge.
    Giornata dedicata ai safari. Questa riserva data la presenza del fiume offre rifugio a elefanti, leoni, leopardi, ghpardi, giraffe, kudu e gerenuks, è una delle poche riserve in cui è possibile incontrare le zebre di Gravy. Rientro al lodge, cena e pernottamento.
  • 4° giorno: Samburu National Reserve – Ol Pajeta Conservancy
    Pensione completa al lodge.
    Partenza in direzione sud verso Nanyuki, circondata dall’unica montagna innevata sull’equatore, il Monte Kenya. Arrivo per pranzo al lodge. Nel tardo pomeriggio partenza per un game drive. Questa regione ospita molti animali, ma è nota soprattutto per le sue specie in via di estinzione come il rinoceronte nero, la zebra grigia e il cane selvatico. La riserva privata di Sweetwater ospita una fauna piuttosto ricca: erbivori, giraffe, leoni ed
    elefanti sono i principali abitanti. Questo santuario è noto per ospitare l’unica famiglia di scimpanzé del Kenya e il posto migliore per trovarsi faccia a faccia con i rinoceronti. Cena e pernottamento.
  • 5° giorno: Ol Pajeta Conservancy – Lake Nakuru National Park
    Pensione completa al lodge.
    Partenza per il Parco Nazionale del Lago Nakuru, l’arrivo è previsto per il pranzo e conseguente game drive pomeridiano. Questo parco è famoso per la sua grande concentrazione di fenicotteri che si nutrono di alghe ed è anche il luogo di nidificazione per cormorani e pellicani. Il parco ospita anche leoni, giraffe, facoceri, leopardi e antilopi. Pranzo e cena al lodge. Pernottamento.
  • 6° giorno: Lake Nakuru National Park – Masai Mara
    Pensione completa al lodge.
    Partenza per il Masai Mara. Arrivo in tempo per il pranzo. Nel tardo pomeriggio partenza per un safari. Questa riserva presenta savane collinari, praterie ondulate, foreste a galleria sul fiume Mara e sui suoi affluenti. I “big five” sono ben rappresentati qui. I grandi predatori sono il leone, il leopardo e il ghepardo. I predatori più piccoli sono la iena e lo sciacallo. I grandi erbivori sono l’elefante, il rinoceronte, la zebra, l’ippopotamo, il bufalo e la giraffa. Gli erbivori più piccoli sono l’antilope e il cervo. Con un po’ di fortuna si potrà vedere anche lo struzzo masai. Rientro al lodge, cena e pernottameto.
  • 7° giorno: Masai Mara
    Pensione completa al lodge.
    Intera giornata dedicata ai fotosafari, esplorando questa parte dell’ecosistema del Serengeti settentrionale, dove ha luogo la grande migrazione degli gnu. Mesi prima della migrazione vera e propria, le mandrie si “radunano” nel Serengeti in vista dell’attraversamento del Masai Mara e ricoprono letteralmente la pianura. La migrazione,  dichiarata la settima meraviglia del mondo, ha luogo da fine giugno a inizio settembre. Rientro al lodge, cena e pernottameno.
  • 8° giorno: Masai Mara – Nairobi
    Prima colazione al lodge.
    Farete una breve sosta alla “Italian Chapel” per poi proseguire per Nairobi dove si arriverà nel tardo pomeriggio.
    Nel mezzo de “la scarpata”, un costone verde che si lancia nella grande vallata e regala un panorama incredibile, nel 1942 i prigionieri italiani di guerra confinati dagli inglesi nei campi di prigionia di Naivasha, costretti ai lavori forzati, scavarono e lastricarono una strada. Curve e tornanti a strapiombo che ancora oggi costituiscono l’unica via di collegamento dalla Capitale alle terre dei Maasai. Pur stremati dalle fatiche e dal denutrimento, gli italiani al culmine della strada vollero costruire una chiesetta, a testimonianza della loro resilienza, come ultima speranza. Al giorno d’oggi la chiesa è mantenuta in ottimo stato e ogni mattina viene celebrata la messa.

Sistemazione alberghiera o similare:
Nairobi, Weston Hotel
Samburu National Reserve, Ashnil Samburu
Ol Pajeta Conservancy, Sweetwater Serena Camp
Lake Nakuru National Park, Lake Nakuru Lodge
Masai Mara, Masai Mara Sopa Lodge